LA VOCE DEL CITTADINO FAVARA

Finalmente, il sindaco con la sua giunta,  e i  sotto elencati consiglieri, hanno buttato la maschera deliberando definitivamente l’approvazione  dell’addizionale Irpef che costerà ai cittadini favaresi 1.000.000,00 di euro ogni anno. Grazie sindaco e grazie Consiglieri. Di questo autentico latrocinio ce ne ricorderemo a lungo e sapremo con certezza a chi addebitare ogni responsabilità. Il nostro caro sindaco, con l’avallo della sig.ra C. Russello (dirigente comunale)

e del revisore Lipari, decretando l’emergenza di chiudere subito sul bilancio preventivo, hanno messo alle corde il consiglio comunale costringendolo, se così si può dire, a votare favorevolmente l’introduzione dell’imposta, pena il conseguente dissesto finanziario. Quante falsità…., quante bugie…. Qualsiasi commissario governativo a primo insediamento non avrebbe mai messo le mani nelle tasche dei cittadini con l’addizionale irpef ma  tra le spese NON OBBLIGATORIE  ED ACCESSORIE, verificando l’eventuale assesto di bilancio nella manovra. Vedi caso, tra le spese NON OBBLIGATORIE,  c’erano e  ci sono, per esempio,  i due asili nido attualmente in convenzione privata con il Comune che costano complessivamente più di  800.000,00 euro l’anno: soldi che assieme ad altri piccoli tagli avrebbero sicuramente evitato questa imposta. Come mai queste spese non sono state toccate? Perché gli altri asili nido privati presenti sul territorio non usufruiscono di finanziamenti o convenzioni e questi due si? Noi lo sappiamo il perché! Perché dentro questi due asili nido ci sono  mogli e parenti di noti personaggi della politica locale favarese che mai avrebbero permesso la chiusura. Tanto per citare qualche nome, la moglie di Lorenzo Airò (ex sindaco); la moglie di Giovanni Mossuto (ex consigliere comunale); la moglie di Michele Montalbano (ex assessore e attuale esponente del PDL); i Limblici (cognati del Dott. Carmelo Vitello, ex consigliere comunale nonché candidato a sindaco nella precedente tornata elettorale); i coniugiVetro e Cassaro (rispettivamente, fratello e cognata del Dott. Vetro, eterno candidato consigliere nella lista del PD); sig.ra G. Lentini e tanti altri meno conosciuti, ma appartenenti a qualche apparato politico-clientelare di vecchio stampo PD/PSI, che non citiamo per non annoiarvi. E sapete dove sono alloggiati questi due asili? Vedi caso,  in due edifici, rigorosamente in affitto, di proprietà dei sigg. Arnone (Cannizzaro – i fornai) e del sig. M. Imbergamo (impiegato comunale nullafacente a cui fa capo anche l’affitto della scuola media Brancati e la gestione dell’appalto dell’illuminazione pubblica.) Con tanti edifici di proprietà  comunale dati in gestione ad associazioni di dubbia utilità, si continuano a pagare affitti e a distruggere, in alcuni casi volutamente, edifici comunali pur di creare emergenze e conseguenti affitti. Caro Sindaco e cari consiglieri, siete sicuri che non c’era dove tagliare con le spese per evitare questa imposta? Siete sicuri di avere tutelato dei poveri precari monoreddito? Oppure siete complici di  interessi e compromessi superiori che vi hanno dettato cosa votare? Dov’è il taglio sulle spese politiche dei consiglieri in atto di solidarietà all’aumento delle tasse? Dove sono i tagli amministrativi sulle regalie ai dirigenti e ruffiani vari? Sentite di avere la coscienza limpida dietro la frase: abbiamo salvato i precari? Ma quale precari e precari, con questa manovra avete voluto salvare queste due mangiatoie che da 23 anni succhiano risorse alla collettività. Il giudizio finale lo lasciamo ai cittadini. Qualche curiosa nota, a conclusione, è sapere che i signori prima elencati, nell’ultima campagna elettorale, hanno votato contro l’attuale Sindaco Manganella vessandolo politicamente con il proprio candidato a sindaco su menzionato e che i suddetti asili sono stati convenzionati mediante TRATTATIVA PRIVATA SENZA GARA alle cooperative sociali JUVENILIA e  BABY PARK per un importo complessivo di 821.250,00 euro: com’è strana la vita?!?! E su Siciliatv….??? Altri soldi che stanno a carico dei contribuenti!  Ne parleremo in una prossima occasione. Per concludere, sappiate che a Favara ci sono, oltre a quelli citati, una quarantina di persone che tengono in ostaggio un intero paese con l’uso della politica e del denaro. Liberarsene non sarà facile ma necessario se vogliamo dare una possibilità di sviluppo a questo nostro territorio. L’alternativa è il baratro. Elenco dei consiglieri che hanno votato a favore e contro l’introduzione dell’addizionale Irpef:

 

Alaimo Antonio ASSENTE

Alaimo Paolo NO

Bellavia Giuseppe SI

Bennardo Giovanni SI

Bottone Pasquale SI

Broccia Salvatore ASSENTE

Caramazza Gaetano SI

Castronovo Calogero SI

Ceresi Filippo ASSENTE

Chianetta Genny SI

Cipolla Francesco ASTENUTO

Crapanzano Gioacchino (Antonello) SI

Dalli Cardillo Paolo NO

Fallea Antonio SI

Grova Giuseppe ASTENUTO

Limblici Antonio ASSENTE

Lombardo Michele SI

Lupo Salvatore NO

Matina Erica SI

Milioti Giuseppe SI

Milioti Pasquale SI

Nobile Giuseppe SI

Palumbo Antonio NO

Pitruzzella Leonardo SI

Rizzuto Giuseppe SI

Salemi Francesco SI

Scalia Gaspare (Rino) SI

Sgarito Tania NO

Valenti Stefano SI

Vella Maria ASSENTE

Questo elenco è stato stilato  per far sapere alla cittadinanza quale scelta hanno operato i consiglieri assumendosi la responsabilità sul prelievo forzoso.