leonardo pitruzzella e gioacchino zarbo

Le sturmtruppen del pluritrombato onorevole Nino Bosco (clamorosamente sconfitto alle recenti elezioni regionali e posizionato da perdente di professione nella lista del PDL per l’elezione del prossimo parlamento nazionale) sono oramai allo sbando. Il rompete le righe è generale. Nino Bosco è un colonnello senza più reggimento. In questo scenario da 8 settembre si registra la fuga di due capitani. Leonardo Pitruzzella, presidente del Consiglio Comunale di Favara e Gioacchino Zarbo, consigliere alla Provincia Regionale di Agrigento, sono oramai lontani e distinti dal PDL e dal loro mentore. Si ha notizia di frequenti contatti e di incontri tra i due e gli esponenti del partito democratico Angelo Capodicasa, ex presidente della Regione Siciliana,

e l’attuale assessore nella giunta di Rosario Crocetta Mariella Lo Bello. Con l’approdo dei due transfughi “puliti” e “presentabili” Il PD di Favara, da anni senza più una classe dirigente e rappresentato da tanti volti impresentabili, respirerebbe una boccata di ossigeno, di rinnovamento. Un passaggio indolore dato il silenzio disarmato di quel che resta dell’anima storica del PD di Favara. Il Partito Democratico, secondo molti sondaggi, si appresta a essere la forza politica che governerà l’Italia negli anni a venire e la cosa non dispiace a Leonardo Pitruzzella e Gioacchino Zarbo, pronti asalire sul carro del vincitore. Oramai personaggi come loro rappresentano la normalità del PD, un tempo partito di sinistra, diverso, meno maneggione, meno consumista, meno disonesto, meno fissato con i soldi, meno indifferente agli altri.  NO PASARAN! ? Passeranno, passeranno!.

2 thoughts on “I TRANSFUGHI DEL PDL

  1. Zarbo era presente all’innaugurazi one del comitato elettorale di nino bosco. Nu PD vitti malu versu e la pecorella turnà all’ovile?

  2. Rispondere a questo articolo,signif icherebbe dare importanza a questi due personaggi privi di……….!
    Purtroppo li conosciamo e li conosciamo bene! Alltrochè!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *