Quando il gatto non c’è i topi ballano. E’ la storiella di sempre.  Mentre gli sceriffi di Favara (ammesso che ancora ne esista qualcuno) rivolgono lo sguardo altrove o si limitano a scaldare la sedia piuttosto che svolgere il loro dovere di controllo del territorio, i furbetti fanno e disfano quello che vogliono. L’oggetto del misfatto è collegato all’apertura di un nuovo locale “trend” in piazza Cavour, in pieno stile “cannibal”. Ad essere interessato è lo storico palazzo Fanara, nello specifico la porzione che fa angolo con la via Belmonte, un tempo sede dello storico Bar Italia.  I lavori di adeguamento del locale hanno comportato (per ovvia comodità) la realizzazione di scalini esterni e di uno scivolo in prevalenza ricadenti su strada pubblica. E’ mai possibile che la Soprintendenza ai Beni Culturali e ambientali, spesso così attenta ai dettagli, questa volta abbia avuto la macroscopica svista di autorizzare la nascita o se vogliamo la ricostruzione di scalini e scivoli che non sono mai esistiti nel corpo di fabbrica originario? L’Ufficio Tecnico e gli altri Uffici competenti del Comune di Favara hanno autorizzato l’occupazione permanente di suolo pubblico per la realizzazione di dette opere?

 

One thought on “I FURBETTI DEGLI SCALINI

  1. Il consigliere Nobile va avanti come un treno con opere abusive vergogna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *